Rss

Detrazioni fiscali sugli infissi: in quali casi richiederle

Gli interventi di ristrutturazione edilizia e quelli mirati al risparmio energetico permettono di beneficiare delle detrazioni fiscali sugli infissi. Anche la sostituzione di serramenti, blindati e persiane infatti, rientra negli interventi che godono di tali incentivi.

Secondo la normativa, è possibile accedere alle detrazioni in due casi:

  • quando gli interventi riguardano la ristrutturazione edilizia di un edificio già esistente, su abitazioni private o su parti comuni di immobili residenziali;
  • quando gli interventi effettuati sono volti al miglioramento delle caratteristiche termiche dell’edificio, con l’obiettivo di migliorare il risparmio energetico. In questo caso, è necessario che le opere di miglioria rispettino dei precisi parametri energetici, e vengano effettuate su un edificio esistente e già dotato di un sistema di riscaldamento, al momento dell’inizio dei lavori.

 

Interventi di ristrutturazione edilizia:

Per le opere di ristrutturazione edilizia, viene corrisposta un’erogazione fino al 50% della spesa sostenuta, a condizione che i nuovi elementi abbiano forma, materiale e colori diversi da quelli precedenti. La somma erogata, varia in base al tipo di intervento (su singole unità abitative o spazi condominiali), e al costo totale sostenuto.

Interventi di riqualificazione energetica:

Per quanto riguarda gli interventi di riqualificazione energetica, le detrazioni corrispondono al 65% della spesa totale se gli interventi vengono svolti antro il 31 dicembre 2014 e riguardano abitazioni private, mentre si estendono fino al 30 giugno 2015 se riguardano spazi comuni di edifici condominiali, o vengono effettuati in tutte le unità abitative di un condominio. Nell’anno 2015 l’aliquota scenderà al 50% per le abitazioni singole, mentre dal 1 luglio 2016 la soglia tornerà ad essere quella ordinaria del 36%.

In quale tipo di intervento rientra la sostituzione degli infissi:

La sostituzione degli infissi, rientra negli interventi di risparmio energetico qualora venga applicata a edifici già esistenti e dotati di riscaldamento (quindi sono esclusi scantinati e autorimesse), e riguardano qualsiasi categoria catastale (appartamenti privati, negozi, uffici…). È necessario che i nuovi serramenti rispondano a determinati requisiti: devono delimitare il perimetro del volume riscaldato, inoltre devono essere certificati e sufficientemente isolati. Rientrano nella detrazione Irpef anche le strutture accessorie ai serramenti, come scuri, persiane e tapparelle, purché limitino la dispersione del calore. Il limite massimo per le detrazioni fiscali sugli infissi, nel caso di interventi volti al risparmio energetico, è di 60.000 euro.

Se la sostituzione degli infissi non rientra nei parametri per la riqualificazione energetica, è possibile accedere alle detrazioni per le ristrutturazioni edilizie, in cui la presenza del riscaldamento è irrilevante e i requisiti richiesti sono meno restrittivi.

La normativa dettagliata e completa di approfondimenti è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Per ulteriori approfondimenti, consulta la pagina Detrazioni fiscali sugli infissi, di Finestra Faidate. In ogni caso, Finestra Faidate è a tua disposizione per aiutarti a sfruttare questa opportunità.